60° Turbo Diet - Finale! Ce l'hai fatto!

February 14, 2016

Giorno 60 (Giorno di Regime)

Cè l'hai fatta! 2 mesi di un nuovo percorso per essere il massimo di te stesso.  Continui ora. Puoi ordinare la Forskolina se ti va per continuare e mantenere i risultati ottenuti. O altrimenti prendere un altro Turbo Diet ed alternare i prodotti - 30 gg Caffe verde poi 30gg Garcinia per poi ripetere. Ma ormai spero che hai raggiunto una nuova stile di vita che porterai sempre con te.

Si fa perché alla fine spesso siamo i nostri peggiore nemico. Raramente ho visto un nemico in carne ed ossa essere più violento di uno contro se stessi. (sempre nel limite di pace e buona società). Nel spazio segreto dentro noi stessi dove nessun altro può entrare, al posto più intimo ognuno combatte con i propri mostri, ricordi passati, rancori, frustrazioni, sensi di colpa, inadeguatezza e insicurezze. È lì che uno si sfoga le frustrazioni e dispiaceri da anni di malcomprensioni non solo con il mondo esterno ma da quello interno. È affinché trattieni i ricordi passati non sarai in grado a vivere pienamente il presente. È solo nel presente dove puoi fare le giuste scelte per il tuo benessere oggi e per e lunghe.

            Per provarlo pensa solo come ti senti dopo una grande abbuffata, sia che fosse notturno, domenicale o dal pranzo natalizio. Il senso di sconforto della pancia stracolmo porta sempre una biasimo interiore. Non ti lascia passare neanche una, quel critico interno eh? Quella voce, come critico è esattamente quello che vorrei aiutarti azzittire perché ti sta raccontando delle bugie sulla tuo stesso conto. Il critico interiore potrebbe sembrare te stesso dal momento che ti parla incessantemente nel cervello, ma in realtà quel critico non è nient’altro che una somma di messaggi ed informazioni errati che continui a portare con te da quando sei piccolo.

            È importante capire che quello che pensi di essere in questo momento non necessariamente coincide con quello che sei nato per essere, o chi sei realmente. Nonostante qualunque livello di auto definizione o forma fisica sei oggi, sono certa che ce di più per te, per la tua forma fisica e il tuo mondo interno. Può succedere che mentre leggi questo libro ti senti un lieve senso di compressione o sconforto, come se stessi dicendo delle cose che lo sai già dentro di te a qualche parte e solo che li hai dimenticati. Questo accade perché in pratica non ti sto spiegando niente che non sai già internamente, fa parte delle leggi umani, e solo che nessuno te l’ha mai indicato la chiave finora. Come ti ho detto al inizio del libro, vorrei aiutarti ottenere il massimo dalla tua forma fisica con le tue stesse mani.

            È lui il negativo che ti dice costantemente che: non meriti il massimo, o che non sei abbastanza bravo, intelligente, magro, bello, ricco, alto, o che il colore del tuoi capelli è sbagliato. Il tuo critico interno però, non è lo tuo spirito, essenza o anima.   Chiama la profondità del tuo essere come vuoi, ma quella voce che quaquaraqua è la somma solo e soltanto di quello che hai imparato dal tuo passato fino al questo stesso momento. Ricorda però che non è scritto nero su bianco che quelle lezioni forse corrette.   Informazioni, esperienze, vittorie e sconfitte passate ti hanno dato una misura del tuo merito in rispetto a quello che ti circonda. Il problema è che una convinzione errata può provocare delle esperienze che poi cimentano ancora di più quel opinione dentro di te.

Per esempio, immagina un bambino X che a tenera età che aveva due genitori che lavoravano a pieno ritmo. Gli capita più volte ad essere l’ultimo bambino ad essere ripreso dal asilo. Sotto sotto bambino X comincia a covare l’ansia del abbandono, perché nessun bambino vuole essere l’ultimo ad essere ripreso. Crescendo ora, persona X ha un inconscio ma cimentata paura di essere abbandonato. Mr. X grazie a questa convinzione di solito prova di controllare un eventuale fidanzata talmente tanto che la sua possessività alle fine respinge l’oggetto della sua affettività, che scappa a gambe levate. Questo evento poi rinforzerà la certezza di X che le persone scappano, aumentando la sua paura del abbandono.

Non è la colpa di nessuno che X ha l’ansia di abbandono, e non vorrei spaventare gli genitori che devono lavorare e forse sono arrivati in ritardo ogni tanto per prendere propri figli dal asilo. Questo esempio serviva solo per farti capire che non tutti i tuoi abitudini attuali sono frutti delle tue scelte o la definizione di chi sei destinato di essere. Con le giuste osservanze potrai ri-addestrare le tue abitudini in cose più salutare per il tuo corpo e mente.

Questo in gran parte non è colpa tua: (ma non vuol dire che puoi migliorare la tua vita)

Anche se detesto assegnare colpe perché credo che non servono a niente, ad una tenera età prima che avevi la facoltà decisionale per te stesso ci sono stati figure che hanno scelto per te e ti hanno dato della informazione sul mondo che ti circondava. In parte ti hanno fatto capire dove è il tuo posto in questo mondo meraviglioso. Genitori, nonni, fratelli, insegnanti scolastici e sportivi, e altre figure autorevoli ti hanno insegnato e inculcato certe convinzioni: il cielo sereno è azzurra, l’acqua è bagnato, il fuoco brucia e l’elettricità è pericolosa. Affinché queste convinzioni fossero corrette e servivano per proteggerti dai pericoli e aiutare per diventare un adulto ben inserito nella società con manieri e morali rispettevoli tutto è al posto. I problemi iniziano invece quando la loro informazione o insegnamenti vengono trasmesse con il filtro del loro critico interiore, con una spolverata della loro insicurezze o aspettative mai realizzate per la loro vite e naturali inclinazioni che è stato trasmessa su di te.

In più, l’informazioni che vengono comunicate ad un bambino non è esclusivamente verbale, cè anche il linguaggio del corpo e il dosare del accettazione del proprio genitore, che può essere dato con uno sguardo di disappunto o un ritiro di un abbraccio.

            Per un bambino mamma e papà sono dei demi-dei. Sono il suo fonte di sopravvivenza e conoscenza, perciò un bambino non può credere che mamma o papà hanno torto, e faranno di tutto per renderli felici ed orgogliosi di se. Basta stare a bordo piscina in un residenza estiva per sentire la cantilena costante di bambini che urlano a squarciagola, “Mamma.. mamma … mamma guardami…”. È l’ennisimo tentativo per essere guardato ed accettato dal uno delle figure più importante per l’autostima di ogni bambino. I bambini apprendono l’informazione che gli viene dato come delle spugne, ma non riescono spesso a fare la cernita tra l’informazione corrette nel loro confronti e quello dannoso.

            Il bambino percepisce la figura autorevole che gli spiega: Il cielo è azzurro, i cani possono mordere, quanto sei stupido, si mangia a tavola, non meriti abbastanza per me ad arrivare prima degli altri genitori a scuola, lo zucchero è dolce, se non fai quello che voglio non ti sorriderò ne ti darò il calore del mio abbraccio. Da piccoli è praticamente impossibile capire la differenza tra quello che è positivo per la tua autostima e quello che non lo è perché con ingenuità sono propense a credere a tutto. Infatti, sfortunatamente spesso i bambini che vengono severamente maltrattati dai propri genitori sono di solito i primi che li difende perché non possono fare diversamente.

Senza scendere su casi gravi, vorrei semplicemente aiutarti capire che a volte quello che sei nato per essere non coincide con quello che ti hanno insegnato il mondo aspetta da te.   Conosco molti che lavorano in banca o fanno una professione come avvocato o medico non per scelta loro ma per loro genitori. Vivere una vita che non è proprio in linea con quello che vorresti essere può provocare un latente insoddisfazione che poi si sfoga in auto-lesionismo attraverso gli strafoghi a tavoli, l’uso di sostanze dannose (incluso un utilizzo eccessivo di farmaci da banco), o una mancanza di movimento sano. Non ti sto consigliando di lasciare il tuo lavoro per andare a crescere le margarite, ma vorrei aiutarti capire che puoi vivere di più, seguire le tue istinti nei migliore dei modi ed aumentare la tua forma ora per averlo fatto semplicemente capendo chi sei e quanto vali ora.

            Se credi a quella voce interno che sei pigro, grasso, e/o un caso perso, oggi è il giorno giusto di ribellarti. Non è così! Non è scritto in pietra! Forse sono semplici convinzioni che attraverso gli anni hai deciso di credere, ma la definizione di chi sei può essere riscritta, re-interpretata e programmata. Puoi ottenere molto, ma molto di più dal tuo corpo partendo da oggi stesso, e il minuto cominci, attraverso le azioni, urli alla parte più profondo e vero di te io valgo! Sono convinta che comincerai a richiedere ed esigere più rispetto anche nelle altre area della tua vita.

In boca al lupo vali il mondo!

 

PRIMA COLAZIONE Caffè Verde e Garcinia Cambogia insieme. Acqua tiepida con limone e magnesio. Caffè o Te. Anti-ossidanti: (almeno 2 al giorno) Maqui-mangostano – Noni – Papaya – Goji – Acai – Vitamina C – Acido Alfa Lipoico

Mangi quello che vuoi... ma immagino che sceglierai la vita!

PER IL CORPO



1 Response

Filomena
Filomena

February 15, 2016

Jill ho già scritto in uno dei commenti che dopo una sett di turbo diet ho pres da 69,200 che pesavo oggi ne peso 70,00 dimmi cosa sta succedendo altrimenti smetto di prenderle subito

Leave a comment