Alla ricerca della felicità

January 15, 2016

La mia figlia mi chiama il "Il figo non figo" ossia gran parte di quello che faccio e come lo faccio potrebbe essere visto al di fuori di me un pizzico bizzarro... ma sono estremamente felice con tutto ciò che faccio:

1. Ballo in qualsiasi momento anche solo con la musica nella mia testa

2. Faccio mental videos provando di soffermare anche per un istante un quadro di vita reale con la luce soffusa o un onda che infrange sugli scogli

3. Studio tanto e cerco sempre nuove vie di risolvere problemi - tanti di miei prodotti hanno fatto riflettere medici e professori...

4. Amo i muppets

5. Sono convinta se metti 100% di te stesso in ogni cosa che fai non sarai ne mai annoiata - ne svalorizzata

Con ciò detto vi dico il segreto della felicità - sii contento DOVE SEI - sono molto appassionata della Teologia e devo dire la più grande ricorrenza nella Bibbia è il fatto della gente non soddisfatta.  Nonostante che hanno visto miracoli - camminato con il Creatore e avevano tutto, prima o poi eccoli li dalla mela di Eva, fino al adulterio di Re Davide.. anche vivendo come Re o nel Giardino di Eden sono riusciti ad essere insoddisfatti con conseguenze che ben sapete..

Essere contenti dove si è, non vuol dire automaticamente di non desiderare di più, ne prepararti studiando o scovando di andare altrove, ma vuol dire vivere pienamente dove sei mentre lo stai vivendo.  Ed è solo così che uno si può proseguire in modo migliore per la sua stessa vita. Anzi è il segreto numero uno per avere di più.  E il gesto è una questione di cuore - un esercizio di fermarsi e cominciare di veramente amare dove sei: nella tua famiglia - nel tuo lavoro - nel tuo rapporto - nella tua vita...

Pulire i piatti - casa - fare le faccende più noiose in ufficio - rimanere in un rapporto anche durante i momenti più abitudinari senza lasciare che l'occhio viaggia - vuol dire costruirsi..

Costruire una base di solido - buono - sano impegno.. Sii mi piace IMPEGNO .... che di nuovo sembra da fuori di essere la scelta più difficile ma con i miei 47 anni ben suonati posso dire è la cosa più fantastica che ce.  I miei impegni, le mie lacrime di stanchezza, il mio insistere in ogni cosa che ho sempre lottato da portare a termine, mi hanno allenato il carattere plasmandomi in una persona che posso dire con onesta e tranquillità FELICE!!  non una felicità passeggera ma quella molto profonda e costante...

Ecco perché ballo per strada anche solo con la musica nella mia testa...

Ottima giornata a tutti!



Leave a comment