Remise en forme post-Pasqua

April 02, 2013

Hai sgarato questo weekend?  Ecco qualche consiglio!

Contrario a quello che sembra, il pranzo Pasquale non è meno calorico di quello di Natale.  Non ti fare ingannare neanche della bella stagione che promette le giornate più calde e con meno appetito, per il naturale processo del mantenimento della temperatura corporea.  (Se ci fai caso il freddo stimola l’appetito perché il corpo ha bisogno di calorie per produrre “calore”.)   Quando arriva la Pasqua se non stai attento, i salami, pastiere Napoletane, formaggi, pan di pasqua, uova al cioccolato e colombe ti faranno  lievitare come un bel Babà.

 

Ecco qualche consiglio per mantenere la tua linea (se sei stato già sportivo durante il lungo inverno) o almeno partire con il piede giusto per ri-conquistarla prima della stagione delle spiagge.

 

1.                   Vestiti di meno – ritornando sempre sul fatto che sei un animale a sangue caldo, quando sei meno coperto hai bisogno di produrre più calore per mantenerti a 36,5°.

 

2.                   Bere acqua fredda- brucerai più calorie per riscaldarla.

 

3.                   Scegliere magro – tradizioni sono tradizioni, ma si può sostituire pietanze grasse con la loro versione più dietetica.  Per esempio anziché salume compra speck, coppiette di suino, lonza o prosciutto crudo.

 

4.                   Uscire fuori – con l’arrivo delle giornate più lunghe approfitta per fare il movimento fuori:  corsa al tramonto, calcetto con gli amici, tennis, nordic walking, bicicletta o mountain bike.  Lo sport è il migliore modo per aumentare il consumo delle calorie e aumento del metabolismo basale.

 

5.                   Prendi più sole -  Il SAD (seasonal affective disorder), cioè disturbo stagionale depressivo,  succede spesso durante l’inverno a causa della mancanza del esposizione solare.  La depressione è sempre uno stretto parente della fame nervosa.  Per aiutare il tuo corpo a fare velocemente il passaggio tra le stagioni prova a prendere almeno 30 minuti di sana sole al giorno.  Noterai che ti mette buon umore e diminuisce la fame.

 

6.                   Ridere di più – oltre ad allenare gli addominali, la risata è un ottimo coadiuvante per stimolare la produzione delle endorfine, aumenta la reattività muscolare, e stimola l’efficace delle cellule T del sistema immunitario, eccellente per superare le allergie della stagione.  Le endorfine aumentano il senso di benessere abbassando il rischio della fame nervosa.

 

7.                   Peccare sì ma con intelligenza – mangiare qualche peccato di gola fa bene al corpo!  Essere sempre a dieta stanca la testa, stressa il corpo e aumenta l’ormone dello stress: il cortisolo, che fa accumulare il grasso sulla pancia.  Se vuoi toglierti qualche sfizio, sii sicuro che è il massimo sia di qualità, che di soddisfazione emotiva.  Evita di mangiare solo per forza d’inerzia ciò che non ti ispira per niente.  Non è necessario mangiare la colomba se non ti piace solo per tradizione.

 

8.                   Pianificare i tuoi sgarri – Il weekend della Pasqua è lunga.  Durante qualsiasi festa, lasciarsi andare un po’ è normale, ma non esagerare per ogni giorno della festività.   Scegli uno dove ti permetti tutto e sii parsimonioso con gli altri.

 

9.                   Diventare sportivo – Non è mai troppo presto né troppo tardi per iniziare l’allenamento.  L’abitudine dello sport, come per la pigrizia, è esattamente quello: un’abitudine.  Bastono circa 5 allenamenti per farti trovare un esigenza per il movimento, esattamente come bastono pochi giorni per farti passare la voglia.  Ho avuto diversi non-sportivi professati come clienti, che con un minimo di lavoro sono diventati sport dipendenti. E salta su un trampolino!  Aumenta il tuo metabolismo fino a14% in più!

 

10.               Non aspettare lunedì – Tutti quanti promettono miracoli la domenica dopo il pranzo Pasquale a stomaco pieno:  “Da domani ……. (dieta)  (palestra) (corsa) ecc.  Non rimandare quello che potresti fare oggi.  Prima di sederti alla tavola Pasquale o quella di Pasquetta vai almeno per una bella camminata. Inciderà anche sulla tua prestazione a tavola.

 

 

 

Buon Dopo Pasqua, Jill

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Leave a comment